L'abbraccio alla città | 26 giugno 2020

L’abbraccio alla città

“L’abbraccio alla città” è stata una festa, un intreccio di sguardi e corpi che si sono riconosciuti, di relazioni costruite nel tempo, di condivisione e amore per la città, di voglia incessante di sognare. Una festa che parla di desiderio nonostante la grande difficoltà, che racconta la volontà di cambiamento e la speranza che questo accada unendo le voci creative della città.
Il Chiostrino  è stato per noi e per tanti altri un luogo di bellezza, incontro e creatività. La solidarietà che ci è stata dimostrata e la grande partecipazione, mostra quanto sia importante avere questi spazi per generare idee nuove e nuove possibilità di relazioni sociali.
Speriamo che la mobilitazione del 26 giugno, così come quella organizzata il 15 giugno sempre in Piazza Verdi dagli operatori teatrali di Como, sia spunto di riflessione per l’amministrazione comunale, che ha il mandato di valorizzare e sostenere le spinte vitali della città.

È di mercoledì 24 giugno la notizia di un indirizzo operativo del Comune in cui si conferma la volontà di mettere a disposizione delle associazioni lo spazio del Chiostrino di Sant’Eufemia attraverso l’emanazione di un bando, dopo la messa a norma dell’edificio. Abbiamo accolto con gioia e al contempo amarezza la notizia del bando per la gestione del Chiostrino che abbiamo atteso per oltre 1 anno e mezzo. Fino a che non verrà definita una tempistica e delle chiare disposizioni in merito è difficilissimo immaginare un futuro per questo progetto. Abbiamo bisogno di certezze. Mai come in questo periodo storico, così problematico e carico di incertezze, Como e gli operatori culturali della città, hanno bisogno di spazi vitali, di solidarietà sociale, arte e servizi per la comunità. Chi cura la cultura sono le tante persone che abbiamo visto in questo abbraccio, che ogni giorno continuano a lavorare con passione, a fare comunità, rete, e a creare bellezza nonostante la crisi e la latitanza delle istituzioni.
Vogliamo ricordare e ascoltare le parole dell’artista Ezio Bosso che parla di mettersi in gioco e immaginare il domani.

Facciamolo insieme.

“Ma questi giorni sono quelli per ricordare
Le cose belle fatte
Le fortune vissute
I sorrisi scambiati che valgono baci e abbracci
Questi sono i giorni per ricordare
Per correggere e giocare
Si, giocare a immaginare domani
Perché il domani quello col sole vero arriva
E dovremo immaginarlo migliore
Per costruirlo
Perché domani non dovremo ricostruire
Ma costruire e costruendo sognare
Perché rinascere vuole dire costruire
Insieme uno per uno
Costruire è bellissimo,
Cominciamo…”

CHI SI CURA DELLA CULTURA E NEGLI ANNI HA CREATO CON NOI

Sentiero dei sogni, Casa della poesia, Parolario, Marker, Wow Music Festival, Teatro Sociale, Parada par Tucc, Urban Action, Ciclofficina Partucc, Lake Como Film Festival, Arci, Isola che c’è, Mondovisione, Fridays For Future, Fuori Fuoco, Artemigrante, 4US, Teatranti Uniti di Como, Fata Morgana, Allincirco, DownVerso, Women in White Society, Villa del Grumello, Via Borgovico, Manifest, Music for Green, Olo Creative Farm, Baule dei Suoni, Villa Bernasconi, le Insegnanti delle scuole dell’infanzia e primarie, Associazione Lasquolachevola, Riuso creativo, Asylum – a voce alta, Ecoinformazioni, Ciaocomo radio, La provincia, Librerie di Como e provincia, biblioteche di Como e provincia, Allineamenti, Centro Servizi per il volontariato, Cooperativa csls, tutti i maestri e i corsisti del Chiostrino, gli artisti che hanno popolato il Chiostrino, Collettivo Comics,   il Museo del cavallo giocattolo, I.S.I.S. Setificio, Burlesque, le Sfogliatelle, Cooperativa Lotta contro l’emarginazione, Cooperativa Symploke, Como senza frontiere, Como accoglie, IAL, Starting Work, Cooperativa Sociolario, Officine della musica, Oltre il giardino, Intrecci di Popoli, Associazione Soham, Associazione Raja Yoga-Como, Associazione Kibarè, Associazione Fedro, Associazione nota su nota, Cooperativa Sociale Il Seme, Impresa Sociale LarioLhub57, Millenium 82, Akra Studios, Gruppo informale Travel Mind, Auriga Teatro, Associazione Teatrame, Associazione Altrementi, Varese, Macarì, Como,  Arte&Arte, Como, Libico Maraja, NeroLidio, Fondazione Antonio Ratti, Museo della Seta, Collettivo Kun, Accademia Aldo Galli IED, Looking for art, Associazione Olmo, Danzart Academy, Bagai de Com, Slow Lake Como.

Grazie a Living Divani e Baxter che hanno creduto in noi sin dall’inizio rendendo possibile questo sogno.

L’arte è nutriente se è nutrita

Come tante altre realtà, abbiamo sospeso tutte le nostre attività per fronteggiare l’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, ma abbiamo fin da subito cercato di creare nuove modalità di incontro e di scambio attraverso i canali digitali a nostra disposizione.
Siamo convinte che oggi più che mai la cultura, l’arte, la bellezza siano non solo il collante delle relazioni tra le persone, ma che offrano anche nutrimento e sostegno a fronte delle tante situazioni di difficoltà che dobbiamo affrontare ogni giorno.
La nostra associazione, tuttavia, deve fare i conti con la crisi generata dall’impossibilità di proseguire la propria attività nelle modalità che le sono proprie e che hanno nel contatto, nell’incontro, nella vicinanza e nel sostegno alla fragilità il loro punto di forza.
Per questo motivo da oggi rendiamo possibile, per coloro che desiderano e possono farlo, dare un contributo libero e volontario a sostegno dei nostri progetti… abbiamo voglia di reagire a questa emergenza con tutta la nostra creatività, ma l’arte per essere nutriente ha bisogno di essere nutrita!!

PUOI SOSTENERCI FACENDO UNA DONAZIONE CON CARTA DI CREDITO / PAYPAL




Rimani in contatto!

Iscriviti alla nostra newsletter, ti informeremo sui nostri eventi e iniziative

NEWSLETTER

La mission di ARTIFICIO

è in sintesi: valorizzare le istanze culturali innovative e contemporanee nella città di Como, attraverso la realizzazione di un centro culturale “diffuso” sul territorio, la messa in rete e la razionalizzazione delle competenze e delle risorse pubbliche e private per la promozione e la pianificazione dell’offerta culturale, come leva per uno sviluppo urbano sostenibile.

adminHome